As an anonymous user, you can only add new data. If you would like to also modify existing data, please create an account and indicate your languages on your user page.

Talk:Swadesh list for Calabro-Sicilian

From OmegaWiki
Jump to: navigation, search

"ddh" o "ddr" pe lu cacuminale?[edit]

Pe' mmie putimu puru tenire "ddr", basta cu bbessa accussìne pe' ttutti!

Frangisko 19:10, 11 April 2006 (CEST)

ç pe' sc curta comu lu sicilianu ciuri (fiore), salentinu scire (andare)?[edit]

Me pare ca ciuri (fiore a ssicilianu) e scire (andare a ssalentinu) ncìgnano cu lu stessu sonu (dicìtime ci sbaju), comu l'imu a scrìvere? Nu ssapìa te lu ç, have quarche istituzione ca l'ha ndutta? --Frangisko 20:36, 13 April 2006 (CEST)

mmm scire nunn ete sempre curtu... fazzamu "Scianni" (Gianni) --Frangisko 20:54, 13 April 2006 (CEST)

DD (latinu LL) cacuminali[edit]

uè Frangisku,

Sugnu d'accordu cu zoccu dicisti... criu ca la megghiu scelta pi "dd cacuminali" è usari "ddh" sulu picchì stu gruppu cu l'acca è neutru supratuttu siccomu l'acca nun avi nenti sonu nta l'italianu e lu sicilianu. Tuttavìa nta cualchi parti di la sicilia si scrivi "ddr" sulu picchì "bellus" si dici "beddru" o "beggiu" o "bettu" o "beddu" o "bethu." Nta la Catania (iu criu) "dd cacuminali" si prununza sìmili a "dd dentali" senza diffirenza... "beddu" e "addummannari" si dici nta la stissa manera. Mentri ca nta certi paìsi si prununzanu stu sonu comu "ddr" nun pozzu scrìvirilu accussì sulu picchì di motivi etimulòggici, unni si trova lu sonu "dd cacuminali" diversu di lu sonu srittu di "dr latinu". Criu ca, arreri pi li raggiuni etimulòggici, nun putemu cunfùnniri li dui cosi. Dunca, ti dicu ca "sicunnu (sulu) a mia" criu ca "ddh" è la megghiu scelta pi lu sonu "dd cacuminali" ... nun si poti cunfùnniri stu gruppu cunsuntanti cu nuddhu autru, e suprattuttu rapprisenta nu gruppu ùnicu di la nosra lingua siciliana/calavrisi meridiunali/salentina. Nota bona.. iu usai "ddr" pi stu gruppu sulu picchì iu pigghiai cualchi vucabbulariu di lu dialettu centrali metafonètica di nu dizziunariu di "l'ufficiali" centro di studi filologici e linguistici siciliani. E iddhi ùsanu "ddr" pi stu dialettu, mentri ca l'autri mi dìcinu ca lu sicilianu littirariu nun usava nenti autri di 'dd' pi lu cacuminali. Iu criu ca è nu prubblema granni e dunca iu prifirisciu "ddh" comu ti dissi già. Cridi ca iu avissi a canciari l'ortugrafìa accamodora (zoccu è ddr>ddh)? Fammi sapiri.

lu figghiu di latinu FL[edit]

Chistu gruppu ni porta n'autru prubblema chiddhu ca vinni di lu latinu ‘FL’. Cci sunnu tanti diversi modi pi scrivìrilu, comu si vìdinu ntra tutti li dizziunarii (di sicilianu anticu e muternu): çuri, çiuri, hyuri, hjuri, jhuri, jjuri, shuri, xuri, xiuri, xhiuri, xjuri, yuri (e certamenti ciuri e sciuri)! Comu cacuminali ‘d.d.’, penzu ca stu sonu avi a èssiri scrittu nta na manera spiciali. Stu sonu è assai ùnicu pi li dialetti siciliani e prubbabbili chiddhi calavrisi meridiunali e salentinu. Ma comu l’autri soni, ca 'sunnu diversi nta li varii parti', comu lu scrivemu stu sonu? L’avemu a cunzirvari lu sonu ùnicu, ma a la stissa vota, l‘avemu a scrìviri cu sulu una littra/unu sìmmulu. Cridu ca nun putemu usari ci- or sci- picchì l’avemu già sti littri e pi raggiuni etimulòggici, sèrvinu la lingua nni autri modi. Nun criu ca avemu usari la littra ‘x’ picchì l’usaru tanti anni arreri pi lu sonu ‘sci/e’ chiddhu ca è cuasi simili ma chiui diffirenti di chiddhu latinu "FL". Nun criu ca avemu usari la littra ‘h’ picchì appi nu sonu diversi di latinu e oi è la littra italiana ca rimani muta. E comu iu dissi prima, avemu a distinguiri sti gruppi pi mòtivi etimulòggici: sci/sce (piscis), ci/ce (celum), fl (florem), h (hodie). Iu priferisciu usari ‘ç’. Sta littra è ùnica e nuddhu la pò cunfùnniri cu nuddhu autri littri. Sfurtunatamenti, nun criu ca si trova la littra nta li testeri siciliani. Ma, comu iu dissi a rispettu di ‘d.d. cacuminali’, è assai impurtanti ca facemu la diffirenza tra sti soni, menu chi un jornu ‘ciuri’ e ‘ciucciu’ vèninu prununzati nta la stissa manera. Supratuttu comu tu m'addumannasti, la littra ç veni usata de "Il Centro Di Studi Filologici e Linguistici Siciliani" ca stampau li cincu vulumi di lu "Vocabolario Siciliano". Lu stissu centru stampau lu dizziunariu zoccu iu usai pi iscrìviri li palori di lu dialettu "mitafonètica centrali." Lu prubblema è ca la littra ç rappresenta nun sultantu lu gruppu latinu FL ma cualchi vota l'autri comu... çelu, ecc. E nun ni putemu scurdari ca nta tutti li varii paìsi sti soni vèninu dittu diversi - n'autru prubblema (prununzati comu l'inglisi "h", "hy", "sh", "ch", "j").


Li mei penzeri[edit]

Nun sugnu spertu ma criu ca avemu usari cualchi sìmmulu ccà. Nun putemu usari tutti picchì pi la maiuri parti cci aiutanu pi li fonètici di la lingua. Fussi na cosa assai diffìcili di scrìviri accussì jornu jornu. N'autru prubblema è ca certi sìmmuli nun si pòtinu truvari nta la tastera italiana. Comu si vidi, avemu assai scelti.

Mi piacissi usari "ddh" pi lu sonu cacuminali. Arreri criu ca è un nessu neutru.. cuannu si dìcinu "iddru" e "iddu" e "ittu" e "iggiu" e "ithu" (th a l'inglisi), videmu ca avemu usari cualchicosa neutru... e criu ca "ddh" è la megghiu soluzzioni! 1. Mentri ca cci sunnu tanti ca vòlinu scrìviri "ddr" videmu ca nun è na bona idea viduta ca "ddr" avi lu so stissu sonu, e pi li motivi etimulòggici, e finalmenti siccomu stu sonu "ddr" avi diversi significati nna li diversi parti, avemu a lassarili separati. 2. Cci sunnu chiddhi ca vòlinu scrìviri sulu "dd" pi stu sonu, ma, arreri è sbagghiu. Si dìcinu ca nuddhu scritturi sicilianu scrissi accussì nta la puisìa, la littiratura, ecc. e accussì avemu teniri sulu "dd". Ma lu prubblema di sta filusofìa e ca avemu bisognu di diffirenziari sti dui soni pi tanti tanti diversi raggiuni, nun nni aiu a scrìviri pi nenti, picchì penzu ca tu cridissi la stissa cosa. Minchia, nun putemu scrìviri addumannari (ad+domandare) e addumari (allumer). Annu dui diversi soni, dui diversi ràdici, e accussì pi tanti l'autri palori sìmili, annu dignu di èssiri diffirenzati. Nun è na dumanna si avemu a distinguiri sti gruppi, ma comu ... e arreri, criu ca "ddh" è la megghiu scelta salvu ca tanti autri nun vannu a èssiri d'accordu cu mia.

Mi piacissi usari puru "ç" pi lu sonu di FL. Tuttavia, nun sugnu d'accordu cu l'usu di autri palori comu "piçi" o "cuçinu" sulu picchì videmu, pi lu menu nta la sicilia, ca si usa H o ç pi lu nessu di latinu FL. Tuttavia, nun si poti scrìviri "cuhinu" o "pihi" .. e accussì criu ca avemu lassari stari sti palori comu "sicilianu" e "cucinu" unni si trova la c dèbbuli. E pi raggiuni etimulòggici, nun avissimu a cunfùnniri li dui gruppi diversi. Ti pozzu dìciri puru ca nta l'anticu sicilianu si scrìssiri tanti diversi cosi, unu esempiu, hyumi "flumen", e allura li possibbilitati nun annu nuddhu fini.. si scrissi puru "xumi" tuttavìa criu ca successi sulu picchì si scrissi "x" pi "sc" comu "pixi", "canuxiri", ecc.. e accussì si cunfusi li sìmili soni di SC e FL. Ma comu dicu sempri, nun penzu ca avissimu cunfùnniri li ràdici diversi, pi motivi etimulòggici.

Chisti sunnu sulu li mei penzeri.. inzinu a tu mi dici li toi idei, iu cuntinuu iscrìviri li varii palori comu si tròvanu nta li dizziunariu senza adattamentu a zoccu iu penzu. Cuannu dicidemu comu jemu avanti, putemu turnari e canciari l'ortugrafìa.

Va bonu.. ni parramu viatu - Bona Pasca e salutamu cumpari! --Vicè 09:46, 15 April 2006 (CEST)

Bongiorno e bona Pasca a tie Vicè, l'argumenti toi me pàrune boni. Te pozzu mìttere cquai quiddhu ca penzu jeu, ma tocca ccunsìderi ca jèu nu' ssuntu nu linguista, nu ttegnu na ricchia fina cu distinguo bbonu li soni sìmeli e stao luntanu te lu Salentu (Perugia). Speru cu bbègnane addhi cristiani te lu Salentu, te la Calabria e addhe mere.
Na premessa ca aggiu ffare ète ca crisciu (=credo, o criçiu?) ca ète megghiu cu scrivìmu cu lle lìttere te l'alfabbetu latinu. Pe' nna quistiune te praticità, mò la ç la tenìmu intra la tastiera 'tajana però addhi sìmbuli tocca ne mittìmu an croce cu lli scrivìmu. Addha quistione ete ca su' daccordo cu tie ca l'etimologgìa tocca lla tenìmu te contu, ma fenca nnu certu puntu. Te lu dicu jeu ca aggiu ffare cu lu grecu. Addhai l'etimologgia ete sacra, percè pe iddhi la lingua scritta ha bbèssere comu lu grecu anticu, e moi nci suntu cincu forme te "i" (OI, EI, I, H, Y) e nc'ete cristiani cranni e crisciuti ca se mbròjane e sgàrrane scrivìnnu. Le probblema ete ca tocca ccunsideramu li cristiani ca nu ttènune curtura, puru a mie me coddha (piace) cu mantenìmu lu scrittu cucchia all'etimologgìa, però cunsideramu puru la semplicità.
  • ddh/ddr puru a mie pare bono cu scrivìmu "ddh". Te pozzu dire ca puru intra llu Salentu have cristiani ca scrìvune "ddr" e puru "ddhr". E puru inta llu Salentu have paisi addhunca nu' ssu boni cu pronùnciane lu sonu cacuminale e dìcune "beddu". Aggiu ntisu puru cristiani ca pronùnciane stu sonu a nna manera ca pare daveru ca nc'ète na "r" (ddr), ma nu mme fidu cu tte dicu ci (si) ete na quistiune te variante geografica o sulamente nu fattu famijiare o personale.
  • drittu, traìnu me pare bonu puru a mie.
  • nosru me pare bona comu idea, jeu nu ll'avia truvata mai acquai. Intra llu Salento se vide scrittu "nosciu", "mesciu" percè intra muti paisi mestru spicciau probbiu cu lu pronùnciane "mesciu". Però addhe fiate aggiu ntisu puru na sorta te "noshru" ca forse ete paru allu nosru tòu. Speru cu bbegna quarche addhu salentinu cu dècia jutu.
  • pisci e cucinu: forse nun aggiu ntisu bonu, su' doi pronunce differenti? stu "sc" te "pisci" ete na sorta te "sc" curta? o ete longa comu la "sc" te l'itajanu "scena"? Ci ete curta jeu te dicu ca pe' mmie tocca lla scucchiamu (separiamo) te la "sc" te "scena" percè è n'addhu sonu e puru l'etimoggia ete addha. Armenu pe quiddhu ca sacciu te lu salentinu, addhunca la "sc" vene mute fiate te "ji/jo/ja/ju/je", "ge/gi/gia/gio/giu" (es. jocu -> sciòcu "gioco").
  • pe lu esitu te "FL" jeu avìa sgarratu pinzànnu ca fusse paru paru allu salentinu "sciòcu" (vidi susu) e avìa prupustu ç pe' tutti e doi sti soni. Quiddhu ca ulìa (vorrei) cu capiscu ete ci suntu daveru soni differenti. A mie me pàrune sìmeli, forse li stessi, però çiuri/çuri lu canuscu solo te lu cantu e comu aggiu dittu nu' ssuntu linguista e nu ttegnu ricchia fina.
Statte bonu,
--Frangisko 12:50, 15 April 2006 (CEST)


Ciau Frangisko,
L'ai intisu bonu bonu! Mentri ca tanti cristiani nun vonnu vìdiri "ddh" - iu criu ca è chiddhu chiui neutru, immeci di vìdiri beddru, e beggiu, e bettu, e beddu, e bethu (a lainglisi) - putemu pigghiari na forma ùnica e chiddha unificata pi agghiùnciri tutti li varii dialetti. E cuannu si vìdinu "beddhu" tutti iddhi ponnu dìciri a li modi soi. E comu l'acca faci l'autri littri duri (c>ch, g>gh), l'acca poi sèrviri puru ccà pi fàciri dd cacuminali.
M'addumannasti di lu nessu şţŗ ... criu ca di la lingua latinu nostrum diventau prima noşţŗu (noshru, senza t) pi la majuri parti di sicilia. Comu tu dicisiti ca esisti nta lu tou, esisti na forma chiui evoluta - noşşu (nosciu senza tr) ca si trova puru nta certi parti di sicilia. In sicilianu si vidi cuasi sempri nostru senza canciu ma si prununza cuasi sempri noshru (cu l'eccezzioni ditti). Allura criu ca si poti scrìviri bonu nosru, o nosciu. Ma pi scrìviri "nostru" è uguali di scrìviri "beddu" (sbagghiu - sicunnu mia).
Parrasti di sc/c... nun sacciu chi dìciri picchì sti nessi càncianu pruvincia pruvincia, citati citati e videma srati srati. Pi la majuri parti, pisci si prununza ca cucinu, senza diffirenza. Ma esìstinu nta li paìsi orientali pisci cu cuginu. E accussì pi la majuri parti tutti li scritturi siciliani nutèvuli làssaru stari li nessi comu vennu... sc e c ma vennu prununzati pi paìsi locali.
Lu probblema di "-FL-" latinu va accussì.. lu sonu (pi la majuri parti) vennu prununzatu "aspriata" comu "hj" o "hy" o "hsh". Nta lu 1400 si trovau hyuri e hyumi. Doppu la lingua tuscana vinni usata, st'ortugrafia vecchia era pirduta. Nta lu 1700 e doppu, li scritturi comu Martoglio, Pitrè e Vitale (L'accademia nazionale siciliana), e Tempio, pigghiaru ci pi scrìviri lu nessu di "-FL-". Allura, si poti vìdiri ciuri ma videma sciuri picchì nta varii parti li nessu vennu prununzati sìmili (comu pisci e cucinu).
Dunca nun criu ca ç o h ponnu rapprisentari bonu stu nessu salentinu sciri (andare) o crisciu (credo) picchì nun vennu prununzati "aspirati" ... iu mi nni jiu a ascutari cualchi mùsica di "Sud Sound System" chiddhi ca sunnu salentini ... e ti dicu, nun lu sacciu comu si putissi scrìviri bonu stu sonu. Forsi "sciri" va bonu.. o forsi "çiri" ma chistu nun è lu stissu nessu ca "çiuri" (hyuri) sicilianu. Mi pari ca vennu di g dèbbuli (giornu>sciornu, giri>sciri) e accussì forsi si poti scrìviri g, sci, o ci. Nun lu sacciu zoccu dìciri - è na difficultati.
--Vicè 23:27, 18 April 2006 (CEST)
Vicè, be' passo all'italiano - è più semplice per me per dire la mia su questo argomento: mi sembra che tutti quei caratteri strani non vengono utilizzati dalle persone che scrivono in uno specifico dialetto/lingua, cioè tutti quei caratteri che sono al di fuori dell'alfabeta "normale" chi li usa? Sono stati sviluppati per contraddistinguere come si è fatto anche per il veneto? Come scrive la gente di quelle zone quando scrive in dialetto? Cioè considero quelle variazioni come dialetti della lingua siciliana (spero che questo per voi vada bene - e poi un dialetto non è altro di una lingua in fin dei conti). Come sono scritte queste parole in dizionari antichi? Ripeto: mi sembra strano vedere quelle lettere ... non credo che quel modo di scrivere verrà adottato da una maggioranza. Ciao! --Sabine 00:14, 16 April 2006 (CEST)
Ciao Sabine, Vincenzo ha messo quei repertori di caratteri per mostrare come sono stati scritti alcuni fonemi particolari da parte di istituzioni linguistiche e studiosi, non per proporre di adottarli. E' un punto di partenza per identificare i fonemi (individuare il "problema") e poi proporre soluzioni per rappresentarli. Proposte che ha fatto in quest'ultimo messaggio, come ad esempio la scelta di "ddh" per rappresentare il fonema đđ, quindi mi sembra che lui sia d'accordo nello scegliere caratteri facilmente reperibili nelle tastiere comuni. Il ç è presente nella tastiera italiana e si potrebbe adottare senza particolari problemi. L'unico mio dubbio è capire se la ç di çiuri siciliano possa essere assimilabile alla sc di "sciocu" (gioco) salentino; si tratta di un fonema che meriterebbe una rappresentazione separata dalla sc lunga di "scena". Lo studioso Rohlfs ha usato sc per "sciocu" e šc per "scena" ma questa soluzione mi sembra da dimenticare. Se la sc di sciocu è diversa dalla ç di çiuri (mi pare di aver capito che quest'ultima è più una sorta di aspirata) allora bisognerà trovare una soluzione diversa per la sc salentina se non c'è corrispondenza con fonemi siciliani. --Frangisko 19:36, 16 April 2006 (CEST)
Mi sa che avevo parzialmente frainteso. Be' la lettera š mi sembra al quanto strano - hai ragione. La storia per scrivere in maniera "fonetica" per contraddistinguere vari dialetti ... non so se mi piace. Per dire: anche nei dialetti napoletani o anche in napoletano e italiano abbiamo parole che vengono scritte allo stesso modo, ma pronunciato diversamente - ricordo solo la o finale nel napoletano che praticamente non si pronuncia - cioè quello che chiamano pronucia schwa. Per sottolineare queste differenze non credo sia necessario trovare dei modi di scrivere differenti, bensì crearli uguali e registrando un file audio che viene poi collegato alla parola. Lo so che anche questo comporterà delle problematiche, perché talvolta da paesino a paesino la pronuncia è diversa, ma d'altro canto non ci sarebbe nessun problema se volessimo associare più files audio ad un unica parola. La pronuncia non cambia solo da un luogo all'altro, ma anche da persona a persona, cioè la stessa parola pronunciata da una donna, un uomo o un bambino ha un suono diverso per le orecchie di altre persone. Ci sarà sempre il problema del "dov'è" il limite, perché non esiste un'autorità che impone il come si scrive la lingua (non so se devo considerarlo come per fortuna o meno), ma siamo noi a dover fare delle scelte - e quelle sono difficili. Non voglio immischiarmi nel "come scrivere il siciliano" - non ne so abbastanza ... la mia è solo una considerazione generale paragonando varie lingue. Abbiamo simili situazioni anche in Germania e credo un po' ovunque. --Sabine 21:41, 16 April 2006 (CEST)

Chiarificazzioni[edit]

Cari amici,

Raggiuni aviti tutti dui. Frangisko, Raggiuni ai... iu nun vosi dìciri ca avemu scrìviri đđ, đŗ, ţŗ, şţŗ, şŗ, ecc. - vosi sulu fàciri paragunari li diversi nessi e fàciri na cunchiusioni comu jiri avanti.

Sabine, raggiuni ai videma - cci sunnu tanti cristiani nta la sicilia ca vonnu scrìviri accussì, o peju, foneticamenti - talè ccà grammatica sichiliana e lingua sishiliana. Nun sugnu d'accordu cu nuddhu ca voli scrìviri foneticamenti picchì è impossìbili pi cualchi lingua. E nta la sicilia cc'è troppu diversitati linguìstica.

Tuttavìa lu sicilianu appi sempri lu so stissu modu di scrìviri insinu a lu 1200 a la curti di Fidiricu unni nascìu la "Scola Siciliana". Cuasi 1.000 anni arreri si scrìssiru lu sicilianu origginali.

Allura accussì cuannu si vìdinu sti littri novi, nun è pi casu di luntanàrisi comu lingua, ma pi lu sicilianu, è na vera ritornata a li ràdici soi. Tuttavìa iu capisciu li vosri prioccupazzioni lu stissu. Cci scrivu spissu pi la maiuri parti nta la manera siciliana nova, zoccu è pi l'usu di l'ortugrafìa tuscana (cu l'eccezzioni di ddh).

Salutamu! Vicè --Vicè 01:41, 19 April 2006 (CEST)

Allora, se mi guardo questo posso fare le seguenti osservazioni: Quando il fiorentino ha avuto quell'influenza era probabilmente la "linga franca" per queste zone in quel tempo. Per dire: oggi abbiamo una simile situazione con l'inglese - l'italiano diventa sempre più italese che italiano. Mi è perfino capitato che un'azienda italiana mi ha commissionato una traduzione dall'inglese al tedesco (in inglese pessimo) - quando ho chiesto il testo in italiano (che secondo me era la lingua di origine, perché traducendo all'italiano parola per parola spesso si capiva che cosa volevano dire) la risposta era: noi scriviamo tutto in inglese ... hmmm ...
Per me questo modo di pensare non è una ragione per togliere valore alla lingua originale. Allora, anche se in maniera diversa, credo che sia successo una cosa simile - certa gente pensava che il fiorentino di allora era "in" e quindi bisognava far vedere quanto si era alla moda. (Ripeto: oggi abbiamo la stessa situazione con l'inglese - molte persone - anche in Germania - credono che parlare in inglese o un tedesco/italiano con forti infiltrazioni inglesi faccia vedere che siano più istruiti ecc. ecc.).
So che per la wikipedia in siciliano è stato scelto un siciliano adattato alla lingua odierna - con modo di scrivere "vicino" all'italiano. Be' è una scelta fatta che da un lato è buono e dall'altro non permette la effettiva distinzione delle due lingue. Hmmm ... non è una situazione facile - e abbiamo problemi simili, se non più grandi, per il napoletano.
Visto però che siamo su wiktionary: non abbiamo alcun problema di avere anche terminologia all'antica, perché avremo anche dizionari antichi. Se possiamo avere i testi in siciliano dl periodo prima della forte influenza fiorentina, li metterei a disposizione di tutti - anche in formato scansionato (lo hanno fatto p.e. su wikisource in tedesco - hanno scansionato un dizionario antico e messo a disposizione online - l'OCR poi può essere corretto man mano da chiunque. Da quei testi antichi si può poi creare una lista di "parole" con attributo "utilizzato nel '500" per esempio. In questo modo, avendo i vari modi di scrivere, si potrà trovare un momento nel quale il siciliano era unificato - molto probabilmente è quello il punto di partenza giusto per standardizzare la lingua odierna.
Perché: uno standard valido per tutti ci vuole, altrimenti non si può insegnare la lingua - e quel standard è quello che imparano poi anche gli stranieri o le persone di seconda, terza generazione che non lo sanno più bene, ma vorrebbero andare a ripescare le origini. Le variazioni ci saranno, saranno permessi, ma di regola non sono quelli più usati. Se pensate: abbiamo la stesa situazione anche con l'italiano e il tedesco. Secondo il luogo dove lo si parla è differente - quello che però viene insegnata è una lingua molto standardizzata in modo che chiunque possa impararla e parlare/scrivere correttamente. Prendi il mio italiano: non è più quello di una tedesca che ha imparato l'italiano a scuola, ma non è neanche quello di un madrelingua - è un cosiddetto "near native" dove sono già presenti modi di dire, costruzioni di frasi particolari ecc. ecc. Bisogna quindi tenere in mente questo quando si passa alla standardizzazione: standardizzare sì, ma non tutto, è la cosa più difficile da fare. Quindi opterei come prima cosa a raccogliere l'esistente.
Veramente le cose qui sopra non hanno più tanto a che fare con la lista swadesh ... comunque: no alla scrittura fonetica con migliaia di caratteri strani, sì alla diversità e sì ad avere le parole uguali con pronuncia diversa.
E se possibile: cerchiamo di mettere a disposizione i testi in siciliano antico - scansionati su commons + collegati a wikisource (per iniziare it.wikisource - fa senso per non dover avere un altro wiki da amministrare ...) e quindi iniziare passo passo all'OCR delle pagine e alla creazione dei testi in formato digitale.
Grazzie assaje!!! Salutamu! --Sabine 09:42, 19 April 2006 (CEST)
Una cosa che mi viene in mente solo ora: è strano che avete escluso la x e la k (cioè che non si usa più) ... sembrano essere quelle lettere che fortemente contraddistinguono la lingua nel suo passato. Hmmm .... era per fare un compromesso con l'italiano di oggi? --Sabine 09:44, 19 April 2006 (CEST)


Uè Sabine!
Hai ragione - tutta la vita è un grand compromesso!  :) Non ho voluto fare più difficile le cose, solo che usavo le varie idee dei dizionari siciliani. Non lo so troppo di ogni dialetto, allora cerco i dizionari (e quale hanno questi simboli diversi).
Facciamo una soluzione - forse l'avremmo fatto così prima delle lezione linguistiche-storiche ;) haha! Io dico che seguiamo l'ortografia usata di Wikipedia sicilianu, che ne pensi? Invece di ç, dobbiamo usare c o sc (latinu -fl-) ... (s)ciuri, (s)ciu(s)ciari, (s)ciumi, ecc. Invece di ddh, no so cosa fare, perché possiamo usare ddr (come certi dizionari) oppure semplicemente dd. Finalmente per i dialetti salentini, dobbiamo usare c o sc per le parole italiane che cominciano con g-... (s)cire, (s)ciornu, (s)ciardinu, ecc. (attenzione: tutti questi suoni come dd, e (s)c (aspirati e no) fra i vari dialetti non saranno pronunziati ugualmente). Fino a qualcuno scrive o crea il primo moderno trattato della lingua, dobbiamo usare l'ortografia toscana... anche se mi tormenta... lol
Non so che ne pensarebbe Frangisko, però è l'unica soluzione che posso pensarne come evitare questi simboli diversi. Fatemi sapere e possiamo tornari da fare i cambiamenti necessari.
Ci parliamo a presto, --Vicè 22:27, 19 April 2006 (CEST)
Ciao Vicè, dissi ca pe' mmie tocca evitamu cu bbegna annànti a tuttu l'etimologgia. Però crisciu puru ca tocca ttenimu respettu pe' sta lingua. Quannu imu scrittu sciuri per lu fiuru sicilianu, sciardìnu pe' llu giardino salentinu, cuscinu pe' llu frate cugginu sicilianu (ci aggiu ntisu bonu) ma cuscinu puru pe' llu guanciale salentinu (addhunca la sc ete longa), pisci pe' lu sicilianu (ma ete lu pisce te mare o autru comu la pice niura?), me pare ca mbece cu semplificamu imu fattu na mmiscata e nu mbroju ca nu ttene fine. Lu stessu era pigghiannu c mbece ca sc. Jeu penzu ca tocca ttenimu nu picca scucchiati tutti sti soni ca tènune nu ssulu n'etimologgia ma puru na pronuncia scucchiata ci quardamu a quiddha chiù cunservata. E annànti a tuttu nu pputimu scrìvere allu stessu motu doi parole ca nu ssuntu filu uquali intra la vucca (sc curta, sc longa, ç aspirata) e intra la capu te li cristiani (vidi cuscinu-cuscinu).
Moi me pare meju cu tenìmu ç pe' lu sicilianu aspiratu (fl), "sc" pe' la forma longa pe llu cuscinu addhunca s'accumme la capu e quarche autru signu pe' la "sc" curta ca allu salentinu vinne de ji/je/jo/ja/ju (jire->scire, jardinu->sciardìnu, jocu->sciocu) e forse puru pe' quarche esitu sicilianu te ci/ce/gi/ge. Nu penzu ca putimu scrivere scire, cire, gire percè già li have quisti grafemi pe' autri fonemi. E nu putimu mancu scrivere jire percè puru la j l'imu scritta pe' autri fonemi (meju, ajutu, sicilianu jiri....). A menu ca nu bbulimu dire ca la littera "j" vale "sc" curta e nu sse usa chiù pe' lu senzu consonanticu te "i"...
Decertu have autre lingue addhunca nci suntu gafemi unici pe' doi, tre pronunce. O doi, tre grafemi per nna sula pronuncia. Però nu picca te ordine me parìa bonu a mie ncignannu, poi lu tiempu pote canciare quiddhu ca ole.
Pe' llu ddh pe' mmie stae bonu accussìne.
--Frangisko 00:53, 20 April 2006 (CEST)
Sta discussioni mi fa rìdiri picchì avìamu sempri (nta l'autri gruppi) li chiacchi sìmili senza soluzzioni. Sugnu d'accordu cu tia picchì, mentri chi nun ni avìssimu a luntanari propiu èssiri lingua vera comu dissi Sabine, a la stissa vota avìssimu a scrìviri lu nosru linguaggiu comu è è; lu me motivu nun è fàciri taliamentu (zoccu voli dìciri 'spettàculu') ma immeci rispettari e priservari li soni ùnici comu 'dd cacuminali' e 'figghiu di -fl- latinu' siccomu sti nessi vennu luntanu di l'italia e annu l'autri ràdici, chiddhi chi nun su sirbuti di st'ortugrafìa tuscana (e iu nun sugnu lu primu ca parru accussì - vennu ditti nta tanti libbra scritti di lu Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani - Fragè, si voi chiui informazzioni di sti idei fammi sapiri picchì nun pozzu scrìviri li cosi vietati di li leggi 'copyright'). Avìssimu festaiari sti cosi picchì fannu granni parti di lu nosru patrimoniu linguìsticu. Troppu piccatu è chi nun semu linguisti!  :P Vossìa benidica --Vicè 15:26, 20 April 2006 (CEST)

GEMET namespache not for Swadesh lists!!!!!!!!!!!![edit]

GEMET is the namespace for the multilingual environmental thesaurus and has nothing to do with the Swadesh lists - it definitely does not have to go in here. I don't have time to clean up the mess within the wikilinks - I'll do a bit step by step - sorry, the day has only 24 hours. Please don't add the GEMET namespace again. --Sabine 19:40, 21 April 2006 (CEST)

Mi***ia Sabine e meno male che ce l'hai detto, dopo che ce lo avevano aggiunto pensavo che fosse necessario e tiravo giù qualche santo quando dovevo aggiugere parole in greco antico politonico con link gemet! --Frangisko 20:02, 21 April 2006 (CEST)
Can someone transalte the above?? HenkvD 23:46, 21 April 2006 (CEST)
Hi HenkvD! I've just said that if we haven't to add this link, it has been good to know it from Sabine before I fullfilled the ancient greek list, it is already very hard to write polytonic greek without adding links however I can do it also with gemet links, but it would be very frustrating to do unuseful job! --Frangisko 19:15, 23 April 2006 (CEST)
It was me who added the GEMMET:, first on my onw userpage, then Frangiskos userpage (which he/she didn't mind. That page has been transferred to swadesh list for greek by now. Then I added it to this page and the last to swadesh list for nap, which is reverted by Sabine. This is the short discussion we had about that:

Hi, I rolled back the addition of the "GEMET"-Namespace to the Swadesh list for Neapolitan - it is not part of the GEMET-Thesaurus so it does not make sense to add it there. Well, maybe we should think about an own namespace for Swadesh ... I'll think a bit about that one and then maybe propose it. Thanks! --Sabine 09:50, 19 April 2006 (CEST)

Sabine, I added GEMET: on this list (and some others as well) because at this moment only GEMET has words (expressions), and some words on the list exists on GEMET:, like GEMET:animal. I thought it would be usefull for the moment. It is OK you reversed it if you think it is not useful. HenkvD 11:51, 19 April 2006 (CEST)

Well GEMET is a multilingua thesaurus on environmeltal terminology - so the Swadesh list is something completely different. The Swadesh list will also proof to be "not good enough" since in English you already have words with several defined meanings (example: heavy --> weight / difficutl). For now we are building them within these tables to have something to start with. This will change when we may add new terms manually :-) Well, I just wanted to explain why I took the prefix of. Have a great evening! Ciao, --Sabine 18:37, 19 April 2006 (CEST)

By adding GEMMET: you will notice some words already exists, some in an other language etc. etc. I think GEMMET: was choosen as a namespace to test the import from the Gemmet site. It contains also common words like animal, woman etc etc. HenkvD 23:46, 21 April 2006 (CEST)
These words might be there, but for now it does not make sense since we are still not even in pre-alpha phase. The namespace will change, other things will change. The Swadesh lists for now are something to be seen as completely a part (unlike in the normal wiktionaries). Thanks and have a nice evening! :-) --Sabine 20:10, 23 April 2006 (CEST)

sh: provvisorio per sc breve[edit]

Ho cambiato da ç a sh per ora la sc breve salentina, in attesa di qalche soluzione più gradevole --Frangisko 20:59, 23 April 2006 (CEST)

Bona duminicaddìa Frangisko! Iu stava penzannu e mi vinni nta la menti chi forsi avemu a canciari tutti li soni dd cacuminali a "ddh" allura putemu 'normalizzari' li dialetti. Ti spiaci si fazzu li canci (dd, ddr > ddh)? Si sta pàggina veni usata comu dizziunariu tannu la vera prununza è impurtanti e l'avemu a notari.
Allura, mi pari ca "sh" e na bona soluzzioni pi la 'sc' brevi salentina. Puru mi scurdai dìciri a Sabine, chi la littra 'x' veni usata ancura nta la sicilia (comu si l'usa la 'j'). Avemu li cumuni Castel di Judica, Letojanni, Mezzojuso, Mojo Alcantara, Raccuja, e San Giuseppe Jato, e scrivemu jornu, jiri, maju, ecc. Forsi la 'x' nun cc'è scrivuta (in dialettu) di assai cristiani, si tròvanu ancura li cumuni Giardini Naxos, Joppolo Giancaxio, e Sant'Angelo Muxaro. Ccà 'x' voli dìciri "cs" mentri chi 'xi' voli dìciri "sh" ... e accussì Sciacca, si scrissi duicentu anni arreri "Xiacca". Allura forsi poti èssiri n'autra soluzzioni pi "sc brevi salentina", xiornu, xiri, crixiu, ecc. Sulu è n'idea e mi scurdai rispùnniri a Sabine cuannu dissi chi nuddhu usa chiui la 'x' in sicilia. La littra veni ritenuta nta li nomi di citati. Va bonu, fammi sapiri, e fazzu addiventari "ddh" a li dd cacuminali. Salutamu! --Vicè 23:21, 23 April 2006 (CEST)
Frangisko - iu fici li canciamenti. Ni parramu viatu! lu to amicu --Vicè 00:41, 26 April 2006 (CEST)


Prupòsti/Currizziòni[edit]

Ciàu a tùtti,

Nn'avìti faciùtu nu bèddhu travàgghiu! Cumprimènti pi stu capulavòru.

Mi prisèntu sùgnu Sarvatùri, ùnu di li quàttru amministratùra dâ [Wikipedìa siciliàna].

Vi scrìvu quàrchi rìga pirchì mi pàri ca ci sùnnu quàrchi errùri ntâ vòstra pàggina sùpra lu calàbbru-siciliànu e pi chìstu vi prupònu òra òra sti currizziòni nicarèddhi:


Li mè prupòsti si lègginu accussì:

Zòccu vuàutri avìti scrivùtu -> Zòccu ju prupònu


ùomu, ùomini -> uòmu, uòmini

carusìeddhu -> carusièddhu

acìeddhu -> acièddhu

cuani -> cuàni

vìermi -> vièrmi

vùoscu, vùoschira -> vuòscu, vuòschira

ùossu -> uòssu

ùovu -> uòvu

cùornu -> cuòrnu

ùocchiu, ùocchï -> uòcchiu, uòcchï

dìenti -> diènti

pìeri -> pièri

dinùocchiu -> dinuòcchiu

cùoddhu -> cuòddhu

vìentu, vìentira -> vièntu, vièntira

fùocu, fùochira -> fuòcu, fuòchira

iùornu -> iuòrnu

nùovu -> nuòvu

vìecchiu -> viècchiu

bùonu -> buònu

lùordu -> luòrdu

Già canùsciu a Vicè, e sàcciu ch'è na bòna pirsùna ca vòli aiutàri la lìngua siciliàna (còmu a tùtti l'àutri cristiàni ca sùnnu cullabburatùra dâ [Wikipedìa siciliàna]). Lu mmìtu a cuntrullàri li mè prupòsti (pirchì fòrsi sbàgghiu).

Salutàmu!

Turìddhu

na risposta di lu dialettu "centrali mitafonètica" / dialettu di li madunìi
Li vitti li vosri cummenti. Sti dittonghi accentati rapprasèntanu lu dialettu "centrali mitafonètica" zoccu è lu dialettu inturnu a li Madunìi (le madonie montagne) nta parti di li pruvincii di Palermu, Nissa, Enna, e Missina. Cualchi famigghia mea vinni di ddhu paìsi e parrava "sìempri cùomu" trovi nta ddha lista. Puru tuttu lu vucabbulariu ca iu cci l'agghiuncivu nta la lista vinni mancu di li libbra di CSFLS o di Pirandello (lu so studiu di lu dialettu Girgentanu). E accussì videmu chi la nosra sicilia avi la so stissa lingua, cu li soi stissi dialetti, assai diversi... unni cc'è beni, ma videmma bieni, e puru bìeni. Pi dìriti la veritati, stu dialettu di li madunìi è unu di li chiui beddhu di tutta l'ìsula (pi lu menu sicunnu a mia). La vuci di me nanna (bona arma) era propiu accussì duci. Allura la sai cualchicosa nova di lu nosru beddhu sicilianu!  :)
Salutamu --Vicè 21:06, 14 May 2006 (CEST)

Salutamu[edit]

Scusati, ma penzu ca nun havi senzu accuminciari arreri a parrari di comu âmu a scrìviri lu sonu cacuminali ca pruveni dû nessu latinu "-ll-" e comu âmu a scrìviri chiddu ca pruveni dû nessu latinu "-fl-": già sti discussioni si fìciru nta la wikipedia siciliana.

Ccà avìssimu a scrìviri comu scrivemu ddà. Tuttu è scrittu nta sta pàggina: [[1]]

'N ogni casu, pi rispettu di chiddu ca c'è scrittu 'n capu a sta pàggina OmegaWiki, lassu li scritti "ddh" accussì comu sunnu e nun li canciu cu "dd".

"-FL-" lu scrivemu "C". Iu nun sugnu tantu daccordu, però si ntâ Wikipedia siciliana si dicidìu accussì, comu lu pozzu scrìviri ccà di 'n àutra manera ?!?

Salutamu! --Giusi 02:36, 21 September 2006 (CEST)